MVRC

Descrizione

Per la realizzazione di applicazioni di rintracciabilità DPM sono necessari quattro elementi chiave: marcatura (Marking), verifica (Verifying), lettura (Reading) e comunicazione (Communication) – MVRC. Siemens offre per tutti gli elementi chiave i relativi prodotti e sistemi e il supporto per la realizzazione dell'applicazione.

Cosa significa MVRC?

  • Marcatura (Marking): Applicazione del codice direttamente sull'oggetto (DPM)

  • Verifica (Verifying): Controllo della qualità della marcatura sull'oggetto

  • Identificazione (Reading): Lettura nella produzione o in caso di service

  • Comunicazione (Communication): Visualizzazione e interpretazione dei risultati di lettura


Marking

La marcatura di un prodotto avviene generalmente in una fase iniziale del processo produttivo, per poter comandare tutte le fasi successive sulla base dell'identificazione del prodotto. Per la marcatura viene per lo più impiegato il cosiddetto Direct Part Marking (DPM).

Verifying

Mediante i sistemi di verifica è possibile garantire la leggibilità delle marcature anche in presenza di eventuali imbrattamenti o nel caso di impiego di lettori diversi lungo l'intero processo di produzione. Inoltre è possibile sorvegliare la leggibilità della marcatura anche oltre il processo di produzione durante l'intero ciclo di vita di un prodotto.

Reading

Per un impiego semplice e una funzione sicura, i lettori devono presentare una grande flessibilità riguardo a forma costruttiva, interfacce etc. al fine di soddisfare le diverse esigenze specifiche dei vari settori applicativi.

Communication

Per la comunicazione tra lettore e comando del processo, i lettori dispongono nell'esecuzione base di diverse interfacce come PROFIBUS, PROFINET, Ethernet, RS 232 nonché di ingressi e uscite digitali. Ciò garantisce non solo la trasmissione veloce e sicura del segnale di trigger per l'avvio della lettura ma anche la trasmissione veloce ed affidabile del risultato della lettura.

Cosa si intende per Direct Part Marking (DPM)?

Direct Part Marking (DPM) sta ad indicare la marcatura direttamente sulla superficie di un prodotto senza l'impiego di un materiale di supporto separato come ad es. un'etichetta autoadesiva. È pertanto possibile identificare i prodotti nella produzione e rintracciarli anche dopo la fornitura. Con i cosiddetti codici 2D è disponibile già da anni un metodo di codifica che tiene conto di queste esigenze degli utenti. I codici 2D consistono di elementi base puntiformi di facile realizzazione. Eccezionali per quanto riguarda durata, velocità di marcatura e indipendenza dai materiali sono le tecnologie di marcatura laser e ad aghi. In virtù della deformazione meccanica, i codici 2D sui pezzi metallici sono ancora leggibili con lettori 2D anche dopo più fasi di lavorazione. I codici 2D offrono in più il vantaggio di consentire codifiche in spazio più ridotto rispetto a caratteri in chiaro o codici a barre confrontabili.